Perchè scegliAmo il nostro partner

Perchè scegliAmo il nostro partner

Quando parliamo di coppia, della costruzione di un legame sentimentale, spesso siamo portati a pensare che tutto ciò sia frutto di incontri fortuiti (o meno), che ci sia lo zampino del destino a decidere per noi. In realtà rischiamo di ignorare il nostro contributo, quanto facciamo e come influenziamo la scelta del nostro partner.

Il nostro modo di essere coppia affonda le proprie radici nelle relazioni significative della nostra infanzia. Può sembrare un’affermazione figlia della psicologia divulgativa in cui spesso ci imbattiamo bevendo un caffè al bar o facendo la fila alla posta ma in realtà questa è un’affermazione che trova le proprie fondamenta nella teoria dell’attaccamento (Bowlby, 1979). Da uno studio di Shaver, Hazan e Bradshaw (1988) emerge infatti che le relazioni di coppia sono simili a quelle osservate in età infantile con le proprie figure di accudimento e sono quindi caratterizzate da: desiderio di contatto con il partner quando si è in una situazione di stress, sentirsi rassicurati se il partner conforta, sentirsi in ansia se il partner non è accessibile, riuscire a condurre una vita sociale se si sa di poter contare sulla sua presenza.

Image result for coppia immagini

 

Essere coppia dal punto di vista evoluzionistico significa non solo fornire protezione reciproca e assicurare la sopravvivenza del partner ma anche tenere legati due persone che insieme possono essere dei buoni genitori e raggiungere così il successo riproduttivo che si concretizza nella propagazione delle nostre caratteristiche nella progenie. I partner hanno quindi un interesse biologico a mantenere un legame duraturo e grazie all’attaccamento di coppia i due adulti si prendono cura insieme del proprio figlio. Il concetto di amore ha subito quindi un’evoluzione e possiamo affermare che il successo riproduttivo ha trasformato i legami di coppia in legami di attaccamento (Attili, 2004).

Related image

 

 

Le relazioni che abbiamo costruito sin dalla prima infanzia con le nostre figure significative, le esperienze di relazione con i coetanei, i legami sentimentali costruiti da adulti, l’andamento del matrimonio dei nostri genitori e la relazione attuale di coppia: questi sono tutti elementi che hanno un impatto significativo sulla costruzione di un legame di coppia da adulto.

Nella scelta del partner siamo soliti cercare qualcuno che confermi le opinioni che abbiamo su noi stessi e sugli altri, è un vero e proprio bisogno di coerenza che fa sì che più due partner confermano l’uno il modello mentale dell’altro e più il legame dura. Chi si somiglia si piglia? Sembrerebbe di sì ma la risposta è ben più complessa.

Chi vede se stesso come individuo degno di essere amato e vede l’altro come come una persona di cui fidarsi (cogliendo i segnali di affidabilità, interesse, o superficialità e disinteresse) farà una scelta accurata e individuerà un partner in linea con le sue aspettative.

 

Image result for couple

 

Chi reputa di non essere degno di essere amato e non si fida nelle proprie capacità di cogliere i segnali di affidabilità/inaffidabilità, interesse/disinteresse, ritiene di bastare a se stesso e si aspetta che gli altri rifiutino affetto e conforto cercherà come proprio compagno di vita qualcuno che confermi queste rappresentazioni mentali a lui più familiari.

 

Related image

 

Una domanda sorge spontanea: siamo destinati a cercare partner in linea con i nostri modelli mentali o che hanno le caratteristiche dei nostri genitori? La risposta non è così lineare. Siamo portati a cercare ciò che già conosciamo e ci completa ma siamo anche attratti da ciò che è diverso da noi (reciprocità) e che attiva in noi il desiderio di accudire e di essere accuditi, a seconda delle diverse situazioni. Abbiamo quindi varie carte che possiamo giocarci nella relazione di coppia.

Il lavoro terapeutico è utile per comprendere quelli che sono i nostri modelli mentali che influenzano la scelta di un partner, capire da dove tali modelli vengono e scoprire come possono essere riorganizzati grazie all’attività terapeutica. In questo modo è possibile essere più consapevoli di se stessi e prendere delle decisioni congruenti al proprio modo di essere e volte al raggiungimento di uno stato di benessere.

Per approfondimenti:

Attili G.  (2004), Attaccamento e amore. Il Mulino, Bologna.

Attili G. (2007), Attaccamento e costruzione evoluzionistica della mente. Raffaello Cortina Editore, Milano.

 

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

 

 

 


One thought on “Perchè scegliAmo il nostro partner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *