Disturbi di personalità

Disturbi di personalità

I Disturbi di Personalità costituiscono delle modalità rigide e non funzionali di percepire, reagire e relazionarsi alle altre persone e agli eventi; tali modalità riducono pesantemente le possibilità delle persone di avere rapporti sociali efficaci e soddisfacenti per sé e per gli altri.

Ogni persona ha dei tratti di personalità che la rendono unica e irripetibile, che ne determinano particolari modalità di relazionarsi agli altri e agli eventi, ma non per questo tutti soffrono di un disturbo di personalità. Quando questi tratti sono rigidi e causano una compromissione funzionale significativa nella vita della persona, o una sofferenza soggettiva rilevante, si può parlare di un Disturbo di Personalità.

Riporto qui di seguito i principali disturbi di personalità con relativa descrizione.

 

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

 

Disturbo paranoide di personalità

Le persone con un disturbo di personalità paranoide risultano estremamente sospettose e diffidenti nei confronti degli altri. Sulla base di poche o nessuna prova, sospettano che gli altri siano intenzionati a far loro del male e trovano motivazioni sinistre dietro le azioni altrui. A causa di ciò prediligono uno stile di vita “solitario”, con pochi o nessun contatto sociale, hanno un atteggiamento ipervigilante nei confronti degli altri, agiscono in modo cauto e guardingo, sembrano “fredde” e prive di sentimenti; queste persone generalmente possono apparire eccessivamente permalose, polemiche, ostinate e sempre pronte a contrattaccare quando credono di essere criticate o trattate ingiustamente.

 

 

 

 

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo schizoide di personalità

 

 

Il disturbo schizoide di personalità è caratterizzato dalla difficoltà nello stabilire relazioni sociali e, soprattutto, dall’assenza del desiderio di stabilirle.

Le persone che soffrono di questo disturbo tipicamente hanno pochi amici, scelgono lavori che richiedono un contatto sociale minimo o nullo, non si coinvolgono in relazioni intime e in genere non si costruiscono una propria famiglia, senza che questo causi loro particolare sofferenza. Appaiono distaccati e freddi, estremamente riservati e indifferenti all’ approvazione o alle critiche degli altri e ai loro sentimenti. Possono avere una particolare difficoltà nell’ esprimere rabbia, anche in risposta ad una provocazione diretta, e ciò contribuisce a dare l’impressione che manchino di emozioni. Spesso reagiscono passivamente alle circostanze avverse e hanno difficoltà a rispondere appropriatamente ad eventi importanti della vita. La terapia del disturbo schizoide è molto complessa poichè la persona interessata solitamente non riconosce di avere un problema e dunque è raro che chieda aiuto.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo schizotipico di personalità

 

Il disturbo schizotipico di personalità è caratterizzato da isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro e alcune “stranezze del pensiero“: 

  • sospettosità e ideazione paranoide, ad esempio credere che gli altri complottino contro la propria persona;
  • idee di riferimento, cioè interpretare come collegati tra loro eventi che non lo sono;
  • credenze bizzarre e pensiero magico, ad esempio sentire di avere poteri speciali come prevedere gli eventi o leggere i pensieri degli altri;
  • esperienze percettive insolite, ad esempio sentire la presenza di un’altra persona.

Questi individui appaiono spesso strani, eccentrici e stravaganti nel linguaggio, nel modo di interagire, inappropriato e rigido, e nell’abbigliamento, particolare o trasandato.
L’isolamento sociale è sicuramente dovuto al comportamento che queste persone mettono in atto, inadeguato dal punto di vista relazionale e delle convenzioni sociali, ma anche alle sensazioni che essi provano e che li spingono a limitare le interazioni: la costante sensazione di essere diversi e l’elevato livello di disagio e ansia che provano nelle relazioni sociali.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo antisociale di personalità

 

Il Disturbo Antisociale di Personalità (DAP) è  caratterizzato principalmente da inosservanza e violazione dei diritti degli altri che si manifestano in un soggetto maggiorenne, almeno dall’età di 15 anni. L’infanzia è di solito caratterizzata da piccoli furti, menzogne e scontri con chi rappresenta l’autorità. L’adolescenza è segnata generalmente da episodi di abuso di sostanze, gesti violenti nei confronti di persone, animali. Una volta adulti questi soggetti sono incapaci di assumersi responsabilità, conservare un’occupazione e mantenere una relazione affettiva stabile. Il modo di rapportarsi agli altri è drasticamente connotato dalla superficialità e dalla mancanza di rispetto per i sentimenti e le preoccupazioni di chi li circonda.

Le persone con questo disturbo non riescono a conformarsi né alla legge, per cui compiono atti illegali (es. distruggere proprietà, truffare, rubare), né alle norme sociali, per cui attuano comportamenti immorali e manipolativi (es. mentire, simulare, usare false identità) traendone profitto o piacere personale (es. denaro, sesso, potere).

Elemento distintivo del disturbo è, inoltre, lo scarso rimorso mostrato per le conseguenze delle proprie azioni, per cui queste persone, dopo aver danneggiato qualcuno, possono restare emotivamente indifferenti o fornire spiegazioni superficiali dell’accaduto. Altre caratteristiche rilevanti del disturbo antisociale sono l’impulsività e l’aggressività.

Chi soffre di disturbo antisociale di personalità di norma non richiede cure psicoterapeutiche o psichiatriche in quanto non ha consapevolezza di disagio e di malattia. Generalmente, queste persone accedono ai servizi per la salute mentale a seguito di problemi con la legge, quando l’adesione a progetti terapeutici o riabilitativi permette di migliorare la loro posizione legale.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

 

Disturbo borderline di personalità

Il disturbo borderline di personalità è un disturbo di personalità caratterizzato da repentini cambiamenti di umore, instabilità dei comportamenti e delle relazioni con gli altri, marcata impulsività e difficoltà ad organizzare in modo coerente i propri pensieri.

La difficoltà a regolare le emozioni, centrale in questo disturbo, porta a vere e proprie “tempeste emotive” in risposta soprattutto a eventi relazionali spiacevoli come una critica o un rifiuto da parte di un altro “significativo”. A questi picchi emotivi corrispondono generalmente dei comportamenti impulsivi, attuati senza riflettere, come esplosioni di rabbia, litigi, abuso di sostanze, abbuffate incontrollate, spese eccesive, comportamenti sessuali promiscui. Possono manifestarsi anche gesti auto lesivi (procurarsi tagli o ferite) e talvolta tentativi di suicidio.

Le relazioni con gli altri sono generalmente “tumultuose”, intense e coinvolgenti, instabili e caotiche. L’idea dell’altro oscilla tra l’idealizzazione e la svalutazione, per cui una persona può essere meravigliosa e perfetta e il momento dopo essere la peggiore al mondo.

 

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo istrionico di personalità

Il disturbo istrionico di personalità è caratterizzato da un’emotività eccessiva e da una continua ricerca di attenzioni. Gli istrionici sono a disagio quando non sono al centro dell’attenzione, e la ricercano con modalità spesso teatrali, drammatiche e seduttive, dettate dal bisogno profondo di ricevere l’approvazione altrui. A primo impatto risultano interessanti, spigliate, iper-socievoli, ma i rapporti che instaurano generalmente sono superficiali e transitori.

Un’altra caratteristica centrale di questo disturbo è la dipendenza affettiva: essendo estremamente dipendente dall’attenzione, dall’approvazione e dal supporto esterni, chi ha una personalità di questo tipo risulta molto sensibile al rifiuto e spaventato all’idea di possibili abbandoni, per cui può ricorrere a comportamenti estremi volti ad attirare l’attenzione dell’altro e ad evitarne l’allontanamento (es. promiscuità sessuale,tentativi di suicidio). Altra caratteristica di chi presenta questo disturbo è l’elevato grado di suggestionabilità per cui le sue opinioni ed i suoi sentimenti possono venire facilmente influenzati da convinzioni e stati d’animo altrui, da impressioni ed entusiasmi del momento, e mutare al mutare della situazione in cui si trova.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo narcisistico di personalità

Gli elementi distintivi del Disturbo Narcisistico di Personalità ruotano attorno a tre temi:

  1. idea grandiosa di sé;
  2. costante bisogno di ammirazione;
  3. mancanza di empatia.

A un livello apparente i narcisisti appaiono spesso presuntuosi, con un’alta considerazione di sé, tendono a sentirsi superiori agli altri e ad esaltare le proprie capacità e successi per ottenere ammirazione da parte degli altri, con la conseguenza che anche gli altri vengono idealizzati o svalutati a seconda che riconoscano o meno il loro status di persone uniche e speciali.

Caratteristica centrale in questo disturbo è la mancanza di empatia, ovvero della capacità di mettersi nei panni degli altri e di riconoscere che anche gli altri hanno desideri, sentimenti e necessità propri. Da questo deriva la convinzione dei narcisisti che le proprie esigenze vengono prima di tutto e che il loro modo di vedere le cose è l’unico giusto universalmente. A un livello profondo queste persone vivono sentimenti di inferiorità, fragilità, vulnerabilità, paura del confronto, ipersensibilità alla critica. Spesso le due facce coesistono, ma molti narcisisti possono mostrare più spiccatamente una delle due dimensioni.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo evitante di personalità

Il disturbo evitante di personalità è caratterizzato dal timore eccessivo della disapprovazione, della critica e dell’esclusione da parte degli altri. Per evitare queste esperienze dolorose la persona con disturbo evitante di personalità tende ad avere una vita ritirata, prediligendo attività e interessi solitari e limitando la propria esposizione alle situazioni sociali, soprattutto se nuove e al di fuori della routine.

 

A un livello profondo queste persone nutrono un profondo desiderio di stare con gli altri e condividere le proprie esperienze che rimane inespresso e inappagato, con un conseguente vissuto di profondo malessere e “senso di vuoto”, fino ad arrivare a vissuti depressivi che sono uno dei motivi principali per cui chi soffre di questo disturbo può richiedere un aiuto psicologico.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

 

Disturbo dipendente di personalità

È un disturbo caratterizzato dall’eccessiva necessità di essere accuditi che determina comportamento sottomesso e dipendente e timore della separazione. Chi soffre di questo disturbo ha la convinzione di non essere in grado di vivere da solo e di affrontare gli eventi della vita, per questo ricerca continuamente la presenza di una persona al suo fianco, interpretando ogni allontanamento come un possibile e doloroso abbandono.

Per evitare l’abbandono temuto, i soggetti dipendenti si adoperano per assicurarsi costantemente la presenza dell’altro, facendo di tutto per mantenere i legami e rendersi indispensabili nella vita dell’altro, anche sacrificando i propri bisogni e desideri.

 

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità è un disturbo di personalità caratterizzato da un eccessivo bisogno di perfezionismo, ordine e controllo, a spese di apertura, flessibilità ed efficienza, che si traduce ad esempio con un’attenzione così minuziosa per i dettagli, le procedure, le liste, che viene perso di vista l’obiettivo finale del compito.

Generalmente sono presenti, inoltre, bassa tolleranza alla frustrazione, eccessiva dedizione al lavoro, riluttanza a delegare e cooperare, rigidità su questioni di etica e moralità, testardaggine, ostinazione, indecisione, difficoltà a manifestare le proprie emozioni.

Per avere maggiori informazioni e richiedere un primo incontro conoscitivo gratuito:

  • compila il form di contatto 
  • chiama il numero 389 24 42 195
  • scrivi un’email a maria_leardi@yahoo.it

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *